Trasporto marittimo

Il progetto, svoltosi dal 01/06/2015 al 30/09/2019, ha avuto l’obiettivo di supportare l’implementazione, nei porti italiani individuati, di infrastrutture per i combustibili alternativi entro il 2030 e della rete collegata. 

Bando borse studio basic training e security awareness

Rilevazioni annuali dell'Ufficio di Statistica per l'anno 2019, i cui risultati saranno diffusi con il Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti

La Brexit e i Trasporti, tutto quello che occorre sapere

Elenco nazionale di costruttori, importatori e distributori di unità da diporto riconosciute maggiormente rappresentative sul piano nazionale, ai fini del rilascio della Dichiarazione di costruzione o importazione (DCI).

È disponibile, per consultazione e “download”, il “Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti - Anni 2017-2018” (CNIT 2017-2018).
Il Conto, quest’anno giunto alla sua quarantasettesima edizione, presenta una serie di approfondite e dettagliate statistiche, inserite nel Programma Statistico Nazionale di competenza del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’ISTAT e di altri Enti, riguardanti i risultati di rilevazioni ed elaborazioni sullo stato, sull'andamento e sulle prospettive di sviluppo dei trasporti e delle infrastrutture.
Nel portale OpenData dell’Amministrazione sarà possibile scaricare ed utilizzare alcune tra le statistiche pubblicate sul CNIT.

La pianificazione dello spazio marittimo ha l’intento di promuovere la crescita sostenibile delle economie marittime (c.d. economia blu), lo sviluppo sostenibile delle zone marine e l’uso sostenibile delle risorse marine.

Organismi autorizzati per la certificazione delle navi

Con il presente provvedimento si approvano, ai sensi dell’articolo 91 del Codice della Navigazione, le tariffe per il servizio di pilotaggio nei porti nazionali  per l’anno 2019.

Rapporto del Governo Italiano sull’applicazione della Convenzione MLC sul lavoro marittimo – Anno 2018.
Risposta del 31 ottobre 2018 alla domanda diretta della Commissione di esperti dell'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL).