Housing sociale

L’housing sociale è l’insieme delle iniziative volte a sviluppare un’offerta di alloggi sociali a prezzi accessibili per i cittadini con reddito medio-basso che non possono pagare un affitto o un mutuo ma non possono nemmeno accedere a un alloggio popolare. Situazioni di questo tipo possono avere diverse cause, tra cui: la trasformazione delle strutture familiari, i fenomeni migratori, la povertà e la marginalità urbana, ma possono riguardare anche specifiche categorie di cittadini, come i lavoratori autonomi, gli anziani e gli studenti.
Il Ministero adotta misure volte a favorire l’housing sociale attraverso un riposizionamento degli strumenti di solidarietà e la definizione di una politica abitativa nazionale. In questo modo vengono stanziati i fondi necessari a programmare, insieme agli Enti locali, interventi che rispondano alla forte richiesta di alloggi sociali che si riscontra nel Paese.
Tra le più recenti iniziative promosse dal Ministero nell’ambito dell’housing sociale vi sono:

  • il Sistema Integrato dei Fondi immobiliari (SIF), previsto dal contratto stipulato il 2 novembre 2011 con la società CDP Investimenti Sgr
  • l’attivazione di un tavolo tecnico con le Regioni per individuare criteri e metodologia per aggiornare l’elenco dei Comuni ad alta tensione abitativa, presente nella Delibera del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (CIPE) del 13 novembre 2003
Data di ultima modifica: 11/02/2016
Data di pubblicazione: 23/12/2015