Viadotto Himera: dal 1° giugno i pedaggi non saranno dovuti sui percorsi alternativi per gli autotrasportatori danneggiati

Impegno assunto dal Ministro Delrio nell'incontro di mercoledì scorso.
himera-pedaggi

29 maggio 2015 - Dal 1° giugno in Sicilia saranno esentati dai pedaggi gli autotrasportatori costretti a percorrere tratti autostradali alternativi e più lunghi dopo l'interruzione del viadotto Himera sull'A19 Palermo-Catania.
È stato mantenuto, così, l’impegno assunto dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio con le associazioni degli autotrasportatori nell’incontro del 27 maggio scorso sui disagi in Sicilia per la chiusura del tratto autostradale.

I pedaggi per i veicoli pesanti che percorrono l’intero itinerario dell’ autostrada A18 e A20, deviati a causa del cedimento del viadotto Imera sull’A19, a decorrere quindi dal prossimo 1° giugno e fino a quanto non saranno ripristinate le condizioni per la viabilità alternativa non saranno dovuti.

Le condizioni per poter fruire dell’esenzione sono le seguenti:
1) percorrenza dell’intero itinerario Buonfornello – Messina – Catania ovvero con origine dai caselli di Buonfornello e Cefalù e destinazione Giarre o Catania nord, o viceversa, nell’ambito dello stesso viaggio;
2) appartenenza dei veicoli pesanti alle classi di pedaggio 3, 4 e 5, nonché alla classe B (2 assi), limitatamente ai mezzi adibiti ad autotrasporto con massa complessiva superiore a 3,5 t;
3) dotazione, da parte del veicolo, del sistema di pedaggio elettronico (Telepass) che consente, tramite il tracciamento dell’itinerario, il riconoscimento del requisito per l’esenzione. E’ compreso nell’esenzione il Telepass ricaricabile, limitatamente ai veicoli classe B adibiti ad autotrasporto. 

Tags
Data di ultima modifica: 27/04/2016
Data di pubblicazione: 29/05/2015