Organismi autorizzati per la certificazione delle navi

Ai fini dell’applicazione delle Convenzioni internazionali in materia di sicurezza della navigazione (SOLAS, MARPOL, LL66), lo Stato di bandiera ha il compito di effettuare le ispezioni sulle navi e rilasciare le certificazioni di sicurezza e ambientali corrispondenti.

Lo Stato ha la facoltà di delegare la prima o entrambe le funzioni (cosiddetti “compiti statutari”) ad un Organismo di classificazione riconosciuto a livello comunitario. La disciplina di tali deleghe è contenuta nella direttiva 2009/15/CE, relativa alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano le ispezioni e le visite di controllo delle navi e per le pertinenti attività delle amministrazioni marittime, come emendata dalla direttiva di esecuzione 2014/111/UE della Commissione del 17 dicembre 2014. Tale normativa è stata recepita a livello nazionale con il decreto legislativo 14 giugno 2011, n. 104, come modificato dal decreto legislativo n. 190/2015.

L’esecuzione delle ispezioni sulle navi soggette alle Convenzioni internazionali ai fini del rilascio della certificazione di sicurezza e ambientale richiede da parte degli Organismi un livello di competenze elevato e conoscenze tecniche specializzate, l’applicazione di un codice di etico ed una gestione rigorosa della qualità. Pertanto, il Regolamento (CE) n. 391/2009 ha fissato i criteri minimi per il riconoscimento degli Organismi a livello comunitario, al fine di migliorare la sicurezza delle navi e prevenire l’inquinamento da esse causato.

A livello nazionale, sono delegati a svolgere i compiti statutari per le navi soggette alle Convenzioni internazionali cinque Organismi di classificazione, riconosciuti a livello comunitario, per mezzo di appositi accordi, siglati dall’Organismo stesso, dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e dal Ministero dell’ambiente, della tutela del territorio e del mare (MATTM), che è competente per le certificazioni MARPOL. Gli accordi, di seguito elencati, sono approvati con Decreti Dirigenziali di concerto con il MATTM.

Per alcuni certificati gli Organismi sono delegati ad effettuare le ispezioni sulle navi e a rilasciare la relativa certificazione (certificati in autorizzazione), mentre per altri certificati sono delegati solo a svolgere le ispezioni e a rilasciare una dichiarazione ai fini, mentre la certificazione viene emessa dalle Autorità marittime periferiche (certificati in affidamento).

ACCORDI CON GLI ORGANISMI DI CLASSIFICA PER LA DELEGA DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE STATUTARIA DI NAVI NAZIONALI SOGGETTE ALLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI

  • Decreto interministeriale 3 maggio 2019 di approvazione dell'Accordo allegato datato 22 marzo 2019 di delega all'organismo riconosciuto Lloyd’s Register Group LTD dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali
  • Decreto interministeriale 8 settembre 2017 di approvazione dell'Accordo allegato datato 6 settembre 2017 di delega all'organismo riconosciuto American Bureau of Shipping dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali
  • Decreto interministeriale 14 luglio 2017 di approvazione dell'Accordo allegato datato 3 luglio 2017, di rinnovo della delega all'organismo riconosciuto Bureau Veritas Marine & Offshore SAS dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali.
  • Decreto interministeriale 4 luglio 2017 di approvazione dell'Accordo allegato datato 28 giugno 2017, di rinnovo della delega all'organismo riconosciuto RINA Services dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali.
  • Decreto interministeriale 26 maggio 2014 di approvazione dell'Accordo allegato datato 9 maggio 2014 di delega all'organismo riconosciuto DNV GL AS dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali.

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE del 13 dicembre 2013 recante modifica del riconoscimento di Det Norske Veritas a norma del regolamento (CE) n. 391/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano le ispezioni e le visite di controllo delle navi.A seguito della suddetta decisione comunitaria, con il DNV GL AS è stato stipulato l'accordo sopra menzionato, che ha sostituito quello già vigente con il Germanischer Lloyd SE.

Lettera prot. 13764 del 9 agosto 2011 "Decreto legislativo 14 giugno 2011, n. 104 recante attuazione della direttiva 2009/15/CE relativa alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano Ie ispezioni e le visite di controllo delle navi e per le pertinenti attività delle amministrazioni marittime - Modalità applicative".

Lettera prot. 7781 del 23 aprile 2013. Punti di contatto dell’Amministrazione italiana per gli Accordi di delega dei servizi di certificazione statutaria delle navi registrate in Italia rientranti nel campo di applicazione delle convenzioni internazionali agli organismi riconosciuti RINA Services spa, Bureau Veritas e Germanischer Lloyd.

AUTORIZZAZIONI DI ORGANISMI DI CLASSIFICA PER LE ATTIVITA' DI ISPEZIONE E CONTROLLO DI NAVI NAZIONALI NON SOGGETTE ALLE CONVENZIONI INTERNAZIONALI

Gli organismi che hanno già avuto la delega (certificazione in affidamento) per le navi soggette alle Convenzioni internazionali possono presentare istanza per essere autorizzati per le attività di ispezione e controllo delle navi nazionali non soggette alle convenzioni internazionali, se rispettano i criteri stabiliti dall’Amministrazione con la nota prot. n. 6543 del 23 aprile 2012. Sono stati autorizzati tre organismi:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 

Direttiva 2009/15/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 relativa alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano le ispezioni e le visite di controllo delle navi e per le pertinenti attività delle amministrazioni marittime

Decreto legislativo 14 giugno 2011, n. 104 "Attuazione della direttiva 2009/15/CE relativa alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano le ispezioni e le visite di controllo delle navi e per le pertinenti attività delle amministrazioni marittime"; Il decreto rappresenta il testo normativo di riferimento per la disciplina delle attività degli organismi di classifica autorizzati a svolgere funzioni per conto del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e del Ministero dell'ambiente e delle tutela del territorio e del mare (ispezioni, visite di controllo e certificazioni delle navi).

Direttiva di esecuzione 2014/111/UE della Commissione del 17 dicembre 2014 recante modifica della direttiva 2009/15/CE per quanto attiene all'adozione da parte dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO) di taluni codici e relativi emendamenti di alcuni protocolli e convenzioni

Decreto legislativo 12 novembre 2015, n. 190 "Attuazione della direttiva di esecuzione 2014/111/UE recante modifica della direttiva 2009/15/CE, per quanto attiene all'adozione da parte dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO) di taluni codici e relativi emendamenti di alcuni protocolli e convenzioni".

Regolamento (CE) N. 391/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 relativo alle disposizioni ed alle norme comuni per gli organismi che effettuano le ispezioni e le visite di controllo delle navi;

Risoluzione IMO MSC.349(92) (adottata il 21 giugno 2013) CODE FOR RECOGNIZED ORGANIZATIONS (RO CODE)

Data di ultima modifica: 15/11/2019
Data di pubblicazione: 23/05/2019