Porti - Delrio sulla Sentenza della Corte Costituzionale relativa all’articolo 29 dello Sblocca Italia sul Piano della Portualità e della Logistica

“Nelle prossime settimane sarà sottoposto alle Regioni per l’intesa. La nuova governance conterrà comunque il coinvolgimento degli enti locali”
Porti nero

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, interviene in merito alla  sentenza della Corte Costituzionale relativa al Piano Portualità e Logistica: “La Corte – afferma il Ministro – non ha messo in discussione i contenuti del Piano Nazionale Strategico della Portualità e della Logistica, né le prerogative del Governo di realizzarlo,  ma ha sostanzialmente chiesto al Governo di ricercare l’intesa sui contenuti anche con il Sistema delle Regioni. Pur non essendo obbligatorio secondo l’articolo 29 dello Sblocca Italia, il testo del Piano era già stato sottoposto alle Regioni ricevendone un parere positivo. Si tratta, dunque, di un problema procedurale che cercheremo di concludere così come indicato dalla Corte. Lo faremo già dalle prossime settimane per costruire il più ampio consenso istituzionale attorno agli indirizzi strategici per la valorizzazione della “risorsa mare” contenuti nel Documento. Saneremo così il vulnus individuato, secondo la Sentenza, nell’articolo 29 della Legge Sblocca Italia. È questo specifico articolo di questa specifica norma, infatti, che è  stato oggetto di impugnativa, e successivo giudizio, di legittimità costituzionale”.
Immagine rimossa.“Questo percorso – aggiunge Delrio -  non influenza l’iter dell’articolo 8 della Legge Madia che, in precedenza alla presentazione del Piano, aveva indicato i criteri con i quali il Parlamento ha delegato il Governo a riordinare e razionalizzare le Autorità Portuali in quanto amministrazione centrale dello Stato e dal quale discenderà il Decreto Delegato sulla riforma della governance dei porti di rilevanza nazionale”.
“La nuova governance conterrà comunque – conclude Delrio -  anche sulla scorta delle raccomandazioni e delle osservazioni avanzate dal Parlamento, dalle stesse Regioni, dall’Anci,  elementi di decisivo coinvolgimento del sistema delle istituzioni territoriali: dalla nomina dei Presidenti della nuove Autorità di Sistema frutto di intese tra Ministro e Presidenti di Regioni alla presenza di delegati di Regioni stesse, Comuni oggi sedi di Autorità Portuale e Città Metropolitane all’interno dei nuovi Comitati di Gestione delle Autorità”.

Data di ultima modifica: 04/05/2016
Data di pubblicazione: 16/12/2015